Pages Navigation Menu

Il Terronista

Un progetto che nasce dalla voglia di far conoscere al pubblico una terra, la Basilicata, ricca di storia e tradizioni, ma anche di cultura. Il cantautore Diego Capece, alias Il Terronista, attraverso le sue ballate folk d’autore, miste a travolgenti ritmi mediterranei e con testi conditi da un’evidente dose di ironia, canta l’indignazione di un’intera generazione incapace di rassegnarsi, seguendo un percorso storico che va dall’epoca del brigantaggio fino a toccare temi attuali come la disoccupazione e l’emigrazione.

Ad inizio 2013, quando il suo nome d’arte è ancora Jake Moody, si fa conoscere con il concept album “Libertà di espressione” e grazie ad esso l’anno successivo firma un contratto con la Hydra Music di Eboli (SA), che lo distribuisce nei negozi di musica Mondadori e Feltrinelli. Nel 2015 pubblica l’EP “Le ballate del Terronista”, che viene promosso in collaborazione con l’ufficio stampa Marte Press e con Materiali Musicali (MEI), insieme al tour estivo in cui è accompagnato dalla sua band. Dopo l’uscita del disco viene intervistato da diverse radio nazionali e dal mese di aprile il singolo “Il Terronista” entra nella classifica Indie Music Like e ci rimane per diversi mesi, scalandola fino alla ventesima posizione. Sempre nel 2015 partecipa al “Primo Maggio Nazionale per gli artisti emergenti” organizzato dal MEI in Piazza del Popolo a Faenza e il singolo “Il ballo del disoccupato” viene scelto come inno del primo maggio per gli artisti indipendenti. Il 3 ottobre 2015 a Faenza, in occasione del MEI (Meeting delle Etichette Indipendenti), gli viene asseganto il premio “Social Indie Music Like”.

Durante le sue varie tournée ha suonato in Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Lazio, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria, Sicilia e ha aperto i concerti di Giorgio Canali, Zen Circus, Francesco Tricarico, Otello Profazio, Camillorè. Dopo un periodo di pausa, nel dicembre del 2016 vince la borsa di studio per il corso compositori al CET di Mogol, dove nel febbraio 2017 consegue il diploma da “Compositore di Musica Leggera”. Nella scorsa primavera tiene un tour con il suo trio folk acustico, che anticipa quello estivo che terrà con la formazione al completo.

Membri della formazione:
Diego Capece – voce e chitarra
Domenico Carabotti – tastiera, fisarmonica e organetto
Giovanni Catenacci – sax e clarinetto
Marco Ielpo – chitarra e ukulele
Matteo Zaccagnino – basso
Fausto Picciani – percussioni
Danilo Turi – batteria

Il suo legame con Edoardo Bennato è chiaro, per le sfumature musicali e il tono della voce, rievoca invece Fabrizio De Andrè nella sua predisposizione a raccontare l’elemento popolare, infine Giorgio Gaber quando denuncia realtà politiche e lo fa con ironia. L’immedesimazione nella realtà, nei racconti e nelle esperienze sono le ispirazioni di Diego Capece. La consapevolezza della potenza della musica e la sua ostinata necessità di avere un dialogo con il pubblico, lo porta ad esprimersi in prima persona, fino a interrogarsi più volte su cosa sia la musica e quale sia la sua natura, la sua missione.

Quotidian Post

Una descrizione lirica e realistica della propria terra d’origine, che si presta ad essere veicolo per una sorta di inno per il riscatto di un’intera generazione di suoi conterranei.

MartePress

Una messa in immagini che si fa beffe degli stereotipi, la musica come leva per il risveglio dell’impegno civile.

Musica Popolare Italiana
(parlando del video “Il Terronista”)

Diventare portavoce dei valori della propria terra e della tradizione a essa legata, non è una responsabilità da poco per Diego Capece, ma con “Le ballate del Terronista” ci è riuscito benissimo.

Rockit

Il Terronista ha l’abilità di farti ballare da subito coinvolgendo l’ascoltatore in una valanga di emozioni. L’album risulta originale per il suo mix di melodie mediterranee popolari che fanno da cornice a testi impegnati interpretati da Diego Capece e la band.

Radio Tweet Italia

La figura del Terronista è quella di un personaggio genuino ma deciso, che forse può anche riassumere in sé gli stereotipi del Meridione, ma che è pronto per affermare la dignità e i diritti che gli spettano.

Radio Kaos Italy

Il Terronista rimanda ad una figura indefinita che, nonostante questo, vi sembrerà abbastanza familiare. I suoi brani assumono un profilo piacevole e la presenza dei fiati ispessisce di molto gli arrangiamenti quali riescono a sostenere un racconto veritiero, partecipato e originale.

Blogfoolk

Un disco che ha bisogno di poche presentazioni, un continuo temporale con il passato e il presente che rimescola le carte per creare un futuro diverso e si spera migliore.

IndiePerCui